Lascia un commento

LA POESIA DI DOMENICO DISTEFANO POETA MONTALBANESE E SOCIO E REDATTORE DELLA NOSTRA RIVISTA INTERNAZIONALE DI LETTERATURA, DOPO AVER VINTO IL PREMIO TERZO MILLENNIO 2021 A PORTO SALVO, HA RISCOSSO LE CONGRATULAZIONI DEL GRANDE CRITICO E POETA ITALIANO MAURIZIO CUCCHI. SIAMO LIETI DI PUBBLICARE LA INTRODUZIONE DEL SUDDETTO STIMATISSIMO CUCCHI ALLA SUA SUMMA POETICA. A TE, CARO MIMMO, I PIU’ENTUSIASMANTI COMPLIMENTI DEL NOSTRO COMITATO SCIENTIFICO, DELLA DIREZIONE E DELLA NUOVA REDAZIONE.

Introduzione di  Maurizio Cucchi

Già dalla prima impressione, di fronte ai versi di Mimmo Distefano appare in evidenza la forte passione sottesa alla sua scrittura. Una passione, peraltro, sempre controllata dall’intelligenza e una lettura della proprio esperienza condotta alla luce  della discrezione naturale dei sentimenti  sotto il timbro di limpide tonalità .

Distefano si muove su una considerevole ampiezza interiore e spazialità e,pertanto, aperta ad una varietà di temi descrittivi rivitalizzati dalla sua dolce poesia.. Questo suo libro è il risultato di una ponderata scelta stralciata da un lavoro poetico svoltosi nei decenni, con l’aggiunta di altre nuove poesie, per cui la raccolta antologica rappresenta il florilegio ideale della poesia di una vita.. E una raccolta dove il nobile sentimento dell’autore dispiega un ricco ventaglio di motivi e una simmetrica organizzazione interna  che ne fa una vera  opera organica, incentrata su una affollata tavolozza di penetranti variazioni tonali del sentimento, delle emozioni cristalline del poeta nell’innalzare il suo candido amore alla persona amata, con chiarezza bene articolata dei versi, che riflettono  l’avanzare dell’amore sulle ali di una colomba, risplendente di luce divina felice nella gioia e nella pena comune.

I due punti essenziali del libro sono la parte meditativa e di pensiero ( che si muove internamente a scandire tutte le stazioni ) e nel sentimento privato  che ha guidato la storia personale della copia ed ha rappresentato il perno centrale di tutte le relazioni affettive familiari. Una storia dove sono centrali le vicende autobiografiche degli slanci d’amore che crea vincoli saldissimi tra i componenti della menage familiare, che il Distefano poeta riesce sapientemente  a donare a ciascuno il miele soave dei suoi versi, scaturiti dalla fede nella poesia, come insuperabile strumento sonoro di trasmissione della religione degli affetti e dell’amore, che travalica il muro autobiografico e si espande ad abbracciate tutte le bellezze della natura e dell’universo   sorretto da una tensione morale e ideale di insostituibile importanza.  In  questo libro tale dimensione sacrale dell’amore acquista una ampiezza cosmica con passaggi felicemente arditi e coraggiosi.

Il poeta penetra nelle figure degli affetti, dell’amore, dei luoghi dove la sua vitale esigenza di verità e l’urgenza del suo canto  l’ha condotto , per l’acquisizione  di  nuove aree di conoscenze, nel corso di una vita  straordinariamente impegnata  e dunque coinvolta nelle ricerca di cose, indispensabili per un più consapevole attiguità al Padre creatore di vita e di amore, in modo da poter diventare un privilegiato testimone di figlio uno e trino con il Padre degli uomini, che, secondo il credo religioso  del poeta, è il solo detentore del bene del mondo e di ogni forma di ipotetica giustizia e fratellanza sociale, dopo che abbiamo saputo diventare fratelli.

 Esiste, pertanto, nei labirinti di una linea interna forte di pensiero che guida l’intero percorso di questa poesia, del tutto estranea tra l’altro alle maggiori e più note linee di tendenza tra secondo Novecento e oggi. Un fil rouge, spesso carsico, agisce anche quando non si manifesta in modo esplicito. E si tratta di un’idea dell’esserci che vive e si trasforma nell’equilibrio misterioso del molteplice, che perviene alla sua apparente fine totale, nell’infinito tempo, che “tutto trasforma” ed “è solo sempre un infinito presente”, in cui noi siamo il nostro stesso divenire, dentro l’incessante divenire del mondo, dentro l’energia ovunque distribuita e attiva, predisposta a rigenerarsi in altre forme. E in questa apertura all’infinito dei versi di Distefano, si realizza l’idea della nostra esistenza , di una vita umana che risiede nella realtà concreta dei divenire, dove la morte potrà ritrovarsi in nuova vita.

NOTA DI ALIBERTI, Carissimo Mimmo, sono immensamente felice dell’autorevole e

magistrale giudizio dell’insigne critico e poeta Maurizio Cucchi,che io ho sempre seguito e stimato tanto, da inserirlo, come te, nella mia, recentemente conclusa LETTERATURA E SOCIETA’ ITALIANA DAL II OTTOCENTO AI NOSTRI GIORNI di 4000 pp., collocandolo tra i posti più alti della poesia degli ultimi 30 anni. Questo ulteriore riconoscimento altissimo, colloca la tua poesia su un percorso nuovo,” un modus poetandi”, che ti vede impegnato nel restituire alla poesia il ruolo che naturalmente è vivo nel cuore umano e che tu rivitalizzi e fai risplendere nei tuoi versi, come canto d’amore per la vita, per la bellezza del Creato, per i valori morali dell’individuo, della famiglia e della società, che affonderebbe nel nulla, senza il richiamo della armoniosa voce del poeta che indica all’uomo nelle tenebre la via della luce celeste. Un caloroso abbraccio ed auguri del più vasto successo che ti meriti, mio dolce compagno di studi nell’Istituto SANTA MARIA DELLA PACE ,dove ci siamo formati, il tuo fraterno amico Carmelo.

Informazioni su Carmelo Aliberti

Carmelo Aliberti è nato nel 1943 a Bafia di Castroreale (Messina), dove risiede, dopo la breve parentesi del soggiorno a Trieste, e insegna Lettere nel Liceo delle Scienze Sociali di Castroreale. È cultore di letteratura italiana presso l’Università di Messina, nominato benemerito della scuola, della cultura e dell’arte dal Presidente della Repubblica. Vincitore di numerosi premi, ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: Una spirale d’amore (1967); Una topografia (1968); Il giusto senso (1970); C’è una terra (1972); Teorema di poesia (1974);Tre antologie critiche di poesia contemporanea( 1974-1976). POETI A GRADARA(I..II), I POETI DEL PICENUM. Il limbo la vertigine (1980); Caro dolce poeta (1981, poemetto); Poesie d’amore (1984); Marchesana cara (1985); Aiamotomea (versione inglese del prof. Ennio Rao, Università North Carolina, U.S.A., 1986); Nei luoghi del tempo (1987); Elena suavis filia (1988); Caro dolce poeta (1991); Vincenzo Consolo, poeta della storia (1992); Le tue soavi sillabe (1999); Il pianto del poeta (con versione inglese di Ennio Rao, 2002). ITACA-ITAKA, tradotta in nove lingue. LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA vol.I,p.753, Pellegrini ,Cosenza 2008; L'ALTRA LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA( Ed.Scolasiche -Superiori e Univesità-) Inoltre, di critica letteraria: Come leggere Fontamara, di Ignazio Silone (1977-1989); Come leggere la Famiglia Ceravolo di Melo Freni (1988); Guida alla letteratura di Lucio Mastronardi (1986); Ignazio Silone (1990); Poeti dello Stretto (1991); Michele Prisco (1993); La narrativa di Michele Prisco (1994); Poeti a Castroreale - Poesie per il 2000 (1995); U Pasturatu (1995); Sul sentiero con Bartolo Cattafi (2000); Fulvio Tomizza e La frontiera dell’anima (2001); La narrativa di Carlo Sgorlon (2003). Testi, traduzioni e interviste a poeti, scrittori e critici contemporanei; Antologia di poeti siciliani (vol. 1º nel 2003 e vol. 2º nel 2004); La questione meridionale in letteratura. Dei saggi su: LA POESIA DI BARTOLO CATTAFI e LA NARRATIVA DI FULVIO TOMIZZA E LA FRONTIERA DELL'ANIMA sono recentemente uscite le nuove edizioni ampliate e approfondite, per cui si rimanda ai relativi articoli riportati in questa sede. E' presente in numerose antologie scolastiche e sue opere poetiche in francese, inglese, spagnolo, rumeno,greco, portoghese, in USA, in CANADA, in finlandese e in croato e in ungherese. Tra i Premi, Il Rhegium Julii-UNA VITA PER LA CULTURA, PREMIO INTERN. Per la Saggistica-IL CONVIVIO 2006. Per LA NARRATIVA DI CARLO SGORLON. PREMIO "LA PENNA D'ORO" del Rotary Club-Barcellona. IL Presidente della Repubblica lo ha insignito come BENEMERITO DELLA SCUOLA;DELL CULTURA E DELL?ARTE e il Consigkio del Ministri gli ha dato Il PREMIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 3 VOLTE. E' CUlTORE DELLA MATERIA DI LETTERATURA ITALIANA. Il Premio MEDITERRANEO alla carriera. Il PREMIO AQUILA D'ORO,2019. Con il romanzo BRICIOLE DI UN SOGNO, edito dalla BastogiLibri di Roma gli è stato assegnato il Premio Terzomillennio-24live.it,2021 Sulla sua opera sono state scritte 6 monografie, una tesi di laurea e sono stati organizzati 9 Convegni sulla sua poesia in Italia e all'estero. Recentemente ha pubblicato saggi su Andrea Camilleri, Dacia Maraini,e rinnovati quelli su Sgorlon, Cattafi,Prisco,Mastronardi e Letteratura e Società Italianadal Secondo Ottocento ai nostri giorni in 6 volumi di 3250 pp. Cura la Rivista Internazionale di Letteratura TERZO MILLENNIO e allegati. Ha organizzato Premi Internazionali di alto livello,come Il RHODIS e il Premio RODI' MILICI-LOMGANE. premiando personalità internazionali che si sono distinte nei vari ambiti della cultura a livello mondiale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: