1 Commento

CARMELO ALIBERTI (- Poemetto-) TRA IL BENE E IL MALE (Prefazione e traduzione in francese di Jean I.Ghidina, University Blaise Pascal-Francia)– Testamento spirituale ed etico ai nipotini Nives e Gabriel – dedicato a tutti i bambini del mondo con l’augurio che riescono a non smarrirsi in questi giorni di buio della ragione e che il loro pianto colpisca i cuori pietrificati degli uomini e faccia zampillare dal loro cuore imbarbarito la voce della pietà e dell’amore, per una convivenza universale di pace e di solidale fraternità. a cura del poeta Domenico DISTEFANO

RECENSIONE AL POEMETTO DI CARMELO ALIBERTI “TRA IL BENE E IL MALE” EDIZIONI TERZO MILLENNIO 2021

Continua a sorprendere Carmelo Aliberti con il poemetto in versi liberi, discorsivi e diaristici “TRA IL BENE
E IL MALE”, Edizioni Terzo Millennio, maggio 2021. – Il testo è impreziosito dalla traduzione a fronte, in
lingua francese, ad opera di Jean Igor Ghidina.
E’ concepito come lettera-testamento spirituale, scritta da Carmelo Aliberti ed indirizzata ai suoi due
dolcissimi nipotini Nives e Gabriel. Nella prima parte rivela tutto il suo legame affettivo; nella seconda li
mette in guardia, parlandone, dalle tante insidie più o meno subdole del mondo.
La considerevole partecipazione emotiva diventa in lui soffusa di malinconia, quando realisticamente
riflette sul suo giorno, che incomincia ad annottare. Il miglior regalo ai suoi anni è vedere ancora
occhieggiare il giorno “dietro i rami velati dei cipressi”; assaporare attimi di gioia, raccontando ai
nipotini fiabe a lieto fine e rivelando che non esistono mostri in costante agguato (pag. 8); vederli felici e
sereni, quando s’inventano mille giochi: a nascondino, con le bambole, con le ruspe, con i trenini; o
quando volano “sullo scivolo sicuro in terrazza” o fanno le gare con le macchinine telecomandate
(pag.14); o quando scrivono letterine a Babbo Natale su pagine da loro decorate, dicendo che meritano i
regali natalizi, perché sono stati ubbidienti e buoni in famiglia e a scuola; o quando la sorellina, vestendo
i panni di maestrina, insegna al fratellino i numeri e le lettere o legge qualche favoletta; o quando
aiutano la nonna a preparare biscotti e torta da offrire a mamma e papà al ritorno dal lavoro (pag.16). Il
nonno-poeta vuole trasmettere non beni materiali deperibili e condizionati dal tempo, ma valori morali
durevoli, che i nipotini porteranno sempre nell’animo e che contribuiranno a far diventare persone
socialmente mature e cittadini responsabili.
Nella seconda parte il poeta Aliberti dà la sua occhiata critica e avvolgente verso la realtà sociale odierna,
più fredda, razionale e materialista, e ne parla in modo esplicito con timbri di ironia e di invettiva.
Prevale “la febbre del potere”(pag. 22) e dell’accaparramento di ricchezze con tutti i mezzi leciti ed
illeciti. Ciò ha trascinato l’uomo non verso forme di solidarietà, ma verso una guerra invisibile, ma reale,
“con ordigni distruttivi,/ nascosti nello zaino del pane”; sorrisi ipocriti siglano amicizie non sincere
finalizzate al mutuo arricchimento tra politici e potenti (pag. 46). Gli interessi egoistici hanno devastato
la bellezza primigenia del Creato, “dono catartico di un Dio sconosciuto”, ma del Bene e Pacifista,
“paterno, misericordioso e giusto”, Dio non indifferente. Il Male non Gli appartiene, é frutto del libero
arbitrio di uomini “abbagliati da un altro paradiso,/affollato di piaceri, di ninfe avide e di sante poligame”
(pag. 24). Questi uomini hanno inquinato la terra, le acque e l’aria; gli effetti venefici influiscono sullo
stato di salute della gente. Questi uomini hanno venduto droga nelle strade, vicino agli ingressi delle
scuole e delle chiese, nelle discoteche e nelle parrucchierìe. Questi uomini hanno costituito improvvisate
ditte, per assicurarsi grossi appalti pubblici senza gare “e senza alcuni vincoli di ordine legale,/di norme di
sicurezza e ispezioni”. Questi uomini hanno rubato, hanno assassinato, hanno provocato guerre, hanno
schiavizzato, hanno ingannato con bugie la buona fede dei cittadini onesti, immemori della lezione
d’amore e di perdono di Cristo sulla Croce.
Carmelo Aliberti, dal suo angolo di mondo, dove spesso si chiude, per osservare, per riflettere, per
cercare di capire e di capirsi, assiste in Italia ad un degrado, ad un crollo dei valori etici nella società, ad
una sorta di arroganza nell’agire, ad una diffusa convinzione di impunibilità e di complicità nel malaffare.
Naturalmente ciò non riguarda le radicate convinzioni religiose cristiane, che hanno conservato
un’immagine del reale al di sopra del materialismo imperante.

Egli con una scrittura, che non conosce il buio, tiene presente la forza risolutiva dell’Amore e la
manzoniana Provvidenza, che sempre trionfano per le più impensate vie. Egli guarda i suoi nipotini,
vuole renderli immuni dalle brutture della nostra società, seguirli passo passo nella crescita, continuare
a raccontare fiabe a lieto fine, indicare come loro guida morale, oltre all’insegnamento di genitori e
nonni, anche i princìpi del cristianesimo e la poesia, che “vince di mille secoli il silenzio” con i suoi nobili
ed intramontabili valori, contenuti e documentati dalle opere di grandi autori come Omero, Virgilio,
Dante, Petrarca, Foscolo e Manzoni, per citarne solo alcuni.
Per concludere, il poemetto “TRA IL BENE E IL MALE” offre la possibilità di conoscere meglio la
personalità di Aliberti e di cogliere l’essenza più profonda del suo modo di dare un significato alla nostra
vita. Sarà ben accolto dai lettori, soprattutto per i sentimenti di umana affettuosità dell’autore-nonno,
ma anche per la condivisibile analisi dell’odierna realtà sociale, con i messaggi, che sono capaci di far
viaggiare nel tempo le parole scritte su bianchi fogli.
DOMENICO DISTEFANO
Montalbano Elicona

Informazioni su Carmelo Aliberti

Carmelo Aliberti è nato nel 1943 a Bafia di Castroreale (Messina), dove risiede, dopo la breve parentesi del soggiorno a Trieste, e insegna Lettere nel Liceo delle Scienze Sociali di Castroreale. È cultore di letteratura italiana presso l’Università di Messina, nominato benemerito della scuola, della cultura e dell’arte dal Presidente della Repubblica. Vincitore di numerosi premi, ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: Una spirale d’amore (1967); Una topografia (1968); Il giusto senso (1970); C’è una terra (1972); Teorema di poesia (1974);Tre antologie critiche di poesia contemporanea( 1974-1976). POETI A GRADARA(I..II), I POETI DEL PICENUM. Il limbo la vertigine (1980); Caro dolce poeta (1981, poemetto); Poesie d’amore (1984); Marchesana cara (1985); Aiamotomea (versione inglese del prof. Ennio Rao, Università North Carolina, U.S.A., 1986); Nei luoghi del tempo (1987); Elena suavis filia (1988); Caro dolce poeta (1991); Vincenzo Consolo, poeta della storia (1992); Le tue soavi sillabe (1999); Il pianto del poeta (con versione inglese di Ennio Rao, 2002). ITACA-ITAKA, tradotta in nove lingue. LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA vol.I,p.753, Pellegrini ,Cosenza 2008; L'ALTRA LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA( Ed.Scolasiche -Superiori e Univesità-) Inoltre, di critica letteraria: Come leggere Fontamara, di Ignazio Silone (1977-1989); Come leggere la Famiglia Ceravolo di Melo Freni (1988); Guida alla letteratura di Lucio Mastronardi (1986); Ignazio Silone (1990); Poeti dello Stretto (1991); Michele Prisco (1993); La narrativa di Michele Prisco (1994); Poeti a Castroreale - Poesie per il 2000 (1995); U Pasturatu (1995); Sul sentiero con Bartolo Cattafi (2000); Fulvio Tomizza e La frontiera dell’anima (2001); La narrativa di Carlo Sgorlon (2003). Testi, traduzioni e interviste a poeti, scrittori e critici contemporanei; Antologia di poeti siciliani (vol. 1º nel 2003 e vol. 2º nel 2004); La questione meridionale in letteratura. Dei saggi su: LA POESIA DI BARTOLO CATTAFI e LA NARRATIVA DI FULVIO TOMIZZA E LA FRONTIERA DELL'ANIMA sono recentemente uscite le nuove edizioni ampliate e approfondite, per cui si rimanda ai relativi articoli riportati in questa sede. E' presente in numerose antologie scolastiche e sue opere poetiche in francese, inglese, spagnolo, rumeno,greco, portoghese, in USA, in CANADA, in finlandese e in croato e in ungherese. Tra i Premi, Il Rhegium Julii-UNA VITA PER LA CULTURA, PREMIO INTERN. Per la Saggistica-IL CONVIVIO 2006. Per LA NARRATIVA DI CARLO SGORLON. PREMIO "LA PENNA D'ORO" del Rotary Club-Barcellona. IL Presidente della Repubblica lo ha insignito come BENEMERITO DELLA SCUOLA;DELL CULTURA E DELL?ARTE e il Consigkio del Ministri gli ha dato Il PREMIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 3 VOLTE. E' CUlTORE DELLA MATERIA DI LETTERATURA ITALIANA. Il Premio MEDITERRANEO alla carriera. Il PREMIO AQUILA D'ORO,2019. Con il romanzo BRICIOLE DI UN SOGNO, edito dalla BastogiLibri di Roma gli è stato assegnato il Premio Terzomillennio-24live.it,2021 Sulla sua opera sono state scritte 6 monografie, una tesi di laurea e sono stati organizzati 9 Convegni sulla sua poesia in Italia e all'estero. Recentemente ha pubblicato saggi su Andrea Camilleri, Dacia Maraini,e rinnovati quelli su Sgorlon, Cattafi,Prisco,Mastronardi e Letteratura e Società Italianadal Secondo Ottocento ai nostri giorni in 6 volumi di 3250 pp. Cura la Rivista Internazionale di Letteratura TERZO MILLENNIO e allegati. Ha organizzato Premi Internazionali di alto livello,come Il RHODIS e il Premio RODI' MILICI-LOMGANE. premiando personalità internazionali che si sono distinte nei vari ambiti della cultura a livello mondiale

Un commento su “CARMELO ALIBERTI (- Poemetto-) TRA IL BENE E IL MALE (Prefazione e traduzione in francese di Jean I.Ghidina, University Blaise Pascal-Francia)– Testamento spirituale ed etico ai nipotini Nives e Gabriel – dedicato a tutti i bambini del mondo con l’augurio che riescono a non smarrirsi in questi giorni di buio della ragione e che il loro pianto colpisca i cuori pietrificati degli uomini e faccia zampillare dal loro cuore imbarbarito la voce della pietà e dell’amore, per una convivenza universale di pace e di solidale fraternità. a cura del poeta Domenico DISTEFANO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: