Lascia un commento

IL CATALOGO REALE DI BARTOLO CATTAFI CERCO’ DISPERATAMENTE DIO NEL CUSCIO DELLA PAROLA E LO TROVO’ NELL’ARCIPELAGO DEL CUORE

IL CALEIDOSCOPIO  REALE

di BARTOLO CATTAFI

CARMELO  ALIBERTI

Rilettura critica del poeta e della sua opera.

Nel mondo letterario italiano, e non solo, vi sono poeti che dopo essere stati assunti a fama nazionale ed europea, dopo un’aura gloriosa, vengono a trovarsi nella condizione degli oggetti quotidiani su cui si posa la polvere che nessuno più toglie. E’ il caso di Bartolo Cattafi, origi nario di  Barcellona Pozzo di Gotto                                         (Messina). Per una ventina di anni ha ottenuto affermazioni importanti e pubblicazioni con editori di primo piano (Mondadori, Scheiwiller…) notorietà nazionale ed europea Nel 1978 Pier Vincenzo Mengaldo non lo ha incluso tra i maggiori del Nove cento. Poco dopo (1979) Cattafi è scomparso. A poco a poco il suo talento poetico e la sua opera sono caduti nell’oblio. Eppure tante, e importanti ,voci critiche lo avevano esaltato:Forti,Erba, ,Raboni,Ramat,Finzi,Pento, Amoroso, Frattini,Squarotti,Isgrò,Spagnoletti,Petroni…Nel 2003 invero Paolo Maccari ne aveva pubblicato tutta l’opera con le edizioni Le Lettere denunciando questa grave ingiustizia nei confronti di un poeta dal grande carisma lirico e alto valore d’origina lità. Della stessa opinione è da tempo il critico letterario Carmelo Aliberti che nel saggio “Il poeta Bartolo Cattafi:cercò disperata mente Dio e lo trovò nell’arcipelago del cuore” introduzione di Jean\Igor Ghidina,(edizioni Terzo Millennio) ,con viva aderenza allo spirito del poeta, e alla sua statura lirico\moderna , ne delinea carattere,opere,progettualità e travaglio spirituale. Si ha così la visio ne  di un poeta inquieto ,attanagliato dal pensiero di un mondo in cui la morte ha aspetto preponderante. Siamo poco lontani dalla fine della Seconda guerra mondiale (anche Cattafi era stato alle Armi e ne conosceva gli orrori).Mi sembra riduttivo quanto alcune enciclopedie affermano: “La sua poesia dai toni epigrammatici traccia l’amaro simulacro di una generazione fallita, ricorrendo alle metafore del vuoto e della solitudine”. Sì,tutto questo c’è in Cattafi,ma vi è molto, molto di più e Aliberti ,trattan do una a una le sue opere, ne mette in luce sia il pensiero che lo studio della parola così“da voler ridurre all’osso la poesia, in modo da poter più nitida mente operare la cattura del midollo delle cose e stilare l’inventario degli oggetti e delle protei formi manifestazioni della natura e dell’inconscio”. C’è in Cattafi uno sguardo intorno alla ricerca della fisicità del mondo che lo circonda e gli oggetti gli appaiono nella loro concretezza,mentre nella sua esplorazione prendono vita e urgenza come motivi fondamentali, l’insondabile del divino, il senso dell’esistenza , il destino finale dell’uomo,insieme alla ricerca delle origini del male e i richiami della memoria.

Siamo nell’epoca degli sperimenta lismi, in Italia e all’estero,ma Cattafi non viene ammaliato da queste ricerche, a volte pura mente verbali. Partendo da una origine classica, dalla sua sicilianità, si afferma con uno  stile personale,nuovo,moderno,“con accen sioni liriche, lancinanti flash di nausea, sottesa pessimistica ironia” nel ridurre il verso all’essenziale. Il poeta, nel suo continuo peregrinare nei paesi d’Europa e d’Africa,lascia intravedere l’ansia di una ricerca che generi risposte all’insoluto e,come afferma Aliberti“ …il suo viaggio può essere riconducibile a un’ideale avventura dell’anima che ha percorso reali itinerari terreni, ma in realtà ha sempre ricercato la sua Itaca,con i suoi miti, i suoi simboli, i suoi valori…” \ “…reso esaregne dalle esalazioni di effimeri splendori e da un occulto straripante malessere… dirige la rotta verso il punto di partenza della  sua terra,la sua Itaca\Sicilia…” \ “…ma sospinto dall’urlo del sangue, continua a ripartire da Greenwich, cioè dalla fase iniziale dell’innocenza, per riprendere il cammino,guidato dalla inestinguibile fiamma delle riemergen ti   illusioni…”.

E ancora: “…

Voci,suoni,monologo\colloqui,rasoiate linguistiche trasformano Cattafi in guerriero eroe in corsa su impraticabili piste metafisi che dove il rinverginato palpito del cuore possa riconciliare l’uomo, torturato dall’inconoscibile …” Fra i molti giudizi letti, dati dai critici e poeti di fama,quello che mi sembra più vicino all’indagine di Aliberti è di Giorgio Barberi Squarotti quando afferma relativamente all’opera

“L’aria secca del fuoco”:“…E’

Uno dei testi più inquietanti del dopo guerra. Con amarezza Cattafi compie   uno dei più  acuti e mortali esami di coscienza della sua generazione” . Aliberti va oltre e vi ravvisa la dramma tica visione pessimistica della vita,       il terror vacui, l’orrore della guerra, l’alienante e superflua finzione della poesia,la sofferta e disperata ricerca di Dio che sembra alla fine trovare un varco, una luce:

“Ignoto è il regno  

alba e attesa, crepuscolo di nubi

dove Dio s’annida come un colombo

gutturale.

Oscuro è il regno”

(“Nell’atrio in attesa”).

Una chiusa e un titolo che indicano l’accettazione e che portano alla quiete dello spirito, pronto ormai al viaggio estremo. A conclusione mi piace riportare la poesia “Niente”, recuperata nel 2003 da Paolo Maccari, in cui ironia e senso della memoria, magistralmente fusi,siglano la singolarità di Cattafi.

Niente

È questo che porti arrotolato

Con cura,piegato

in quattro, alla rinfusa

sgualcito spiegazzato

ficcato ovunque

negli angoli più oscuri,

niente da dichiarare

niente

devi dire niente.

Il doganiere non ti capirebbe.

La memoria è sempreuncontrabbando   Un saggio, questo di Carmelo Aliberti, che potrebbe e dovrebbe riportare Bartolo Cattafi tra le voci qui più valide e vere del Novecento Italiano.

LUCIO  ZANIBONI

di

Informazioni su Carmelo Aliberti

Carmelo Aliberti è nato nel 1943 a Bafia di Castroreale (Messina), dove risiede, dopo la breve parentesi del soggiorno a Trieste, e insegna Lettere nel Liceo delle Scienze Sociali di Castroreale. È cultore di letteratura italiana presso l’Università di Messina, nominato benemerito della scuola, della cultura e dell’arte dal Presidente della Repubblica. Vincitore di numerosi premi, ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: Una spirale d’amore (1967); Una topografia (1968); Il giusto senso (1970); C’è una terra (1972); Teorema di poesia (1974);Tre antologie critiche di poesia contemporanea( 1974-1976). POETI A GRADARA(I..II), I POETI DEL PICENUM. Il limbo la vertigine (1980); Caro dolce poeta (1981, poemetto); Poesie d’amore (1984); Marchesana cara (1985); Aiamotomea (versione inglese del prof. Ennio Rao, Università North Carolina, U.S.A., 1986); Nei luoghi del tempo (1987); Elena suavis filia (1988); Caro dolce poeta (1991); Vincenzo Consolo, poeta della storia (1992); Le tue soavi sillabe (1999); Il pianto del poeta (con versione inglese di Ennio Rao, 2002). ITACA-ITAKA, tradotta in nove lingue. LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA vol.I,p.753, Pellegrini ,Cosenza 2008; L'ALTRA LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA( Ed.Scolasiche -Superiori e Univesità-) Inoltre, di critica letteraria: Come leggere Fontamara, di Ignazio Silone (1977-1989); Come leggere la Famiglia Ceravolo di Melo Freni (1988); Guida alla letteratura di Lucio Mastronardi (1986); Ignazio Silone (1990); Poeti dello Stretto (1991); Michele Prisco (1993); La narrativa di Michele Prisco (1994); Poeti a Castroreale - Poesie per il 2000 (1995); U Pasturatu (1995); Sul sentiero con Bartolo Cattafi (2000); Fulvio Tomizza e La frontiera dell’anima (2001); La narrativa di Carlo Sgorlon (2003). Testi, traduzioni e interviste a poeti, scrittori e critici contemporanei; Antologia di poeti siciliani (vol. 1º nel 2003 e vol. 2º nel 2004); La questione meridionale in letteratura. Dei saggi su: LA POESIA DI BARTOLO CATTAFI e LA NARRATIVA DI FULVIO TOMIZZA E LA FRONTIERA DELL'ANIMA sono recentemente uscite le nuove edizioni ampliate e approfondite, per cui si rimanda ai relativi articoli riportati in questa sede. E' presente in numerose antologie scolastiche e sue opere poetiche in francese, inglese, spagnolo, rumeno,greco, portoghese, in USA, in CANADA, in finlandese e in croato e in ungherese. Tra i Premi, Il Rhegium Julii-UNA VITA PER LA CULTURA, PREMIO INTERN. Per la Saggistica-IL CONVIVIO 2006. Per LA NARRATIVA DI CARLO SGORLON. PREMIO "LA PENNA D'ORO" del Rotary Club-Barcellona. IL Presidente della Repubblica lo ha insignito come BENEMERITO DELLA SCUOLA;DELL CULTURA E DELL?ARTE e il Consigkio del Ministri gli ha dato Il PREMIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 3 VOLTE. E' CUlTORE DELLA MATERIA DI LETTERATURA ITALIANA. Il Premio MEDITERRANEO alla carriera. Il PREMIO AQUILA D'ORO,2019. Con il romanzo BRICIOLE DI UN SOGNO, edito dalla BastogiLibri di Roma gli è stato assegnato il Premio Terzomillennio-24live.it,2021 Sulla sua opera sono state scritte 6 monografie, una tesi di laurea e sono stati organizzati 9 Convegni sulla sua poesia in Italia e all'estero. Recentemente ha pubblicato saggi su Andrea Camilleri, Dacia Maraini,e rinnovati quelli su Sgorlon, Cattafi,Prisco,Mastronardi e Letteratura e Società Italianadal Secondo Ottocento ai nostri giorni in 6 volumi di 3250 pp. Cura la Rivista Internazionale di Letteratura TERZO MILLENNIO e allegati. Ha organizzato Premi Internazionali di alto livello,come Il RHODIS e il Premio RODI' MILICI-LOMGANE. premiando personalità internazionali che si sono distinte nei vari ambiti della cultura a livello mondiale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: