Lascia un commento

LETTERA APERTA ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E ALLA “PRO LOCO” Di BARCELLONA P.G.

LETTERA  APERTA

ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

E  ALLA PRO LOCO DI BARCELLONA P.G.

Ho appreso con sommo piacere che avete informalmente concordato  la decisione di riprendere l’organizzazione del PREMIO CATTAFI,di cui io sono stato cofondatore e Vicepredente della Pro Loco,fin dalla sua rinascita,anni dopo l’abbandono del prof,Manganaro, altro uomo illustre della città,da tutti amato,oltre da coloro che hanno avuto il privilegio di averlo come loro docente. A lui il sottoscritto deve tanto,non solo per la leale amicizia che ci legava,ma anche perché egli traduceva gli articoli che la stampa greca scriveva sulla mia poesia e rispondeva in greco moderno alle lettere dei miei colleghi e giornali greci. La città gli ha reso l’onore di dedicargli la più gloriosa e benemerita istituzione culturale barcellonese. Inoltre,eravamo sempre insieme a pranzo o a cena, a Milazzo e a Barcellona o altrove. Insieme eravamo nella giuria del Premio Città di Terme Vigliatore 1975 , con Nino Pino,Giuseppe Miligi(eccellente studioso del Futurismo) e fummo onorati di essere a cena,ospiti del Cavaliere Perroni,che vedendo il locale affollatissimo di gente venuta per il Premio,felice,volle offrire la cena a tutti i presenti. Una cena memorabile, ricca di amicizie e di conversazioni culturali. Manganaro mi fu vicino anche quando io portai nel Liceo classico di Barcellona lo scrittore Michele Prisco,per un incontro con gli allievi del Liceo. Cattafi fu il vero mio Primo Maestro di Poesia e di mode stia di vivere,pur nella grandezza. Incominciai a leggerlo fin dalle sue prime opere,avute proprio da Manganaro e in quel “Nel centro della mano” rimasero sempre vivi quei versi,che spesso oggetto delle mie riflessioni,mi insegnarono alcune tecniche di far poesia. Poi seguiro no le letture  delle opere successive, sempre più impegnative del “trobar clus”, dove occorreva un maggiore impegno di lettura,anzi letture ripetute,per poter riuscire ad illuminare di significato alcuni lembi di un ben sigillato tormento di vivere interiore, che talvolta affiorava come un fulmine improvviso, dalla cerniera delle strutture, che esplodevano come un proiettile,denso di dolore, e vagante nella girandola lacerante dei suoi versi,quando il furore interiore per l’irrazionalità del mondo non poteva essere più contenuto. Così la poesia serviva a Cattafi come momento di depurazione interiore dai veleni della quotidianità esistenziale. Allora il suo sguardo si placava nello stupendo paesaggio che avvolgeva la sua Villa di Terme Vigliatore, il paesaggio dei miti,ma soprattutto la suprema bellezza del pae saggio naturale, che riempiva il suo respiro del riflesso della bellezza divina. Ho scritto ben 5 volumi per analizzare la sua intensa e talvolta impenetrabile architettura organizzativa dei versi e l’elevatissimo contenuto della sua scrittura e l’ho ricordato con Convegni o presentazione dei suoi libri in diverse città italiane. Ma soprattutto ho dedicato a tutta pagina una copertina dellamia Rivista TERZO MILLENNIO e un esauriente profilo completo sulla sua unica voce poetica. Recentemente,ho portato a termine la mia faticosa opera LETTERATURA E SOCIETA’ ITALIANA DAL II OTTOCENTO AI NOSTRI GIORNI,in 5 volumi di circa 4000 pagine,che ospita un profilo nel II Volume e un intero saggio nel IV  volume. L’opera, già molto apprezzata e attesa, darà presentata in Sicilia alla fine di luglio,in modo che tutti i barcellonesi sappiano ciò che il sottoscritto ha fatto,non solo per i grande Cattafi,ma anche per gli altri grandi scrittori e poeti per la città a me cara ,perché vi ho abitato,sia come studente,che come docente e promotore di cultura,sia nelle scuole che al servizio del Comune. Ora che l’Amministrazione e La Pro Loco ufficialmente comunicano  che il progetto del Premio si avvia a diventare realtà, occorre che abbia un respiro internaziona le,per una più capillare e vasta diffusione della sua opera,lin modo che la sua poesia raggiunga un vastissimo pubblico,perché la poesia di Cattafi, se ben conosciuta, rafforza gli strumenti razionali e analitici dell’uomo che, fornito di tali strumenti di lettura, sarà in possesso di strumenti necessari per capire ancora di più,anche le problematiche esistenziali. La critica ha già colto certi collegamenti tra Dante e Cattafi. Ma chi non ha subito l’influenza dantesca sia nella propria opera ,che nell’esempio del suo viaggio esistenziale. DANTE,oltre che Padre della patria, è il più grande poeta di tutti i tempi, ma anche un modello di uomo unico e noi italiano dovremmo essere orgogliosi di averlo e di acquisirlo come maestro di vita individuale. Quest’anno ricorre il settimo centenario della sua scomparsa. Lo Stato lo ha già ricordato nello stesso giorno della sua lontana scomparsa. Il Grande Benigni lo ha fatto,collegandolo con l’attualità, in TV. Anche io nel mio breve spazio esistenziale ,a 16 anni fondai nel mio paese il CIRCOLO DANTE ALIGHIERI,affiancato da un giornalino murale, a Barcellona la Società Dante Alighieri  si è occupata della mia opera con un Convegno,svoltosi nell’aula Magna del Liceo Valli,per iniziativa del Benemerito Preside Franco Speciale ed ora, ho lavorato per un anno ad un rpmanzo,intitolato BRICIOLE DI UN SOGNO, in cui protagonista  è una Beatrice e punto di riferimento assoluto un busto di bronzo di Dante,rinvenuto da mia madre,mentre  zappava la terra e,molto sorpresa,ne fece fare un piedistallo di legno e me lo fece trovare sulla scrivania accanto ad un vaso di fiori. E’ un romanzo di denuncia e di formazione e sulla copertina campeggia un dipinto in olio,opera della’artista barcellonese Cettina Pipitò. Continuando il discorso sul Premio,io nei miei interventi, ho pensato ad un premio democratico,come lo Strega o il Campiello,in modo che anche l’intera città partecipi, suggerendo (( anche se qualcuno malignamente ha pensato di non aver bisogno di suggerimenti, espressione non certamente in linea con il nuovo passo democratico e partecipativo, che rinnova un modello culturale obsoleto, calato dall’alto, per puro esibizionismo personale e non per trasformare un importante evento,in avvenimento  stimolatore di cultura in una città. Allego alla presente la lettera aperta che io ho indirizzato alla consigliera RAFFAELLA CAMPO,per sottoporla All’amministrazione,che non so di quale linea politica sia,perché Cattafi non è un numero di partito, ma è un preziosissimo patrimonio dell’intera città. POTETE LEGGERE SUL SITO DI TERZOMILLENNIO i numerosi miei interventi a favore dell’organizzazioni del Premio Cattafi e a favore di altri illustri personaggi che hanno onorato Barcellona. Ora sento il bisogno interiore di offrire ai lettori e ai cultori di Cattafi alcuni miei versi, tratti dal mio poemetto ITACA (tradotto in 15 lingue) e “gridati” a Cattafi per soccorso nel terribile guado dell’operazione poetica.

Da ITACA di CARMELO ALIBERTI

(invocazione a CATTAFI   e a  NINO PINO

Sognavo nei flutti del Longano

L’approdo all’isola invisibile

Degli angeli.25

I remi affondavano nei gorghi

Degli ipogei marini

Dove ruggiva l’Orca….

Sulla lama del lido a Marchesana

Appeso ai frangiflutti delle nuvole

Dentro gli abbagli del sole mattutino

Ero in attesa di un canto di Sirene (…)

Non meno significativi sono per noi, poco più avanti, i versi in cui dantescamente appaiono, a sostegno del poeta in pericolo, le sue due “guide” (vv. 27 ss):

Cattafi sul labbro del cratere

Oltre la curva impossibile

Dietro il promontorio

La curva degli agguati

Che mai oltrepassò “persona viva”

“Ah! Bartolo, Bartolo” gridai

“come potrà la prua inerme

Varcare l’insidia delle acque

Del regno di Adelasia possessiva

Che inghiottì in idre di passione

Marinai audaci, eroi e dei? (…)

Dai “moli protesi” Nino Pino

Barcellonese, anarchico, francese,

libero di scienza e di poesia,

scorgendomi sulle schiume procellose

dove l’Orca di ‘Ndrija tese l’agguato,

“Voga! Voga!, mi esorta, marinaio

Di armonie e di stelle

Che illuminano perle di sudore

Sulle guance, sulle dita, nel cuor

Dei crocifissi nel giorno della storia

Degli schiavi dell’ideologia”, mi dice. (…)

Qui il poeta fa magicamente apparire davanti ai nostri occhi gli amici poeti Bartolo Cattafi e Nino Pino Balotta (entrambi di Barcellona e quindi quasi suoi compaesani): al primo lancia lui stesso un disperato grido d’aiuto una volta in un linguaggio ancora una volta in un linguaggio notevolmente “connotato” dall’uso di figure e da una ripresa allusiva tipologicamente insolita, che potremmo chiamare “plurima” (o doppia); il secondo, invece, è introdotto a rivolgere pressante invito all’Autore perché, “marinaio di armonie e di stelle”, non smetta di andare avanti nel suo impegnativo viaggio e continui a vogare. Va qui osservato che l’ampia menzione/celebrazione di questo personaggio carismatico, strenuo difensore dei deboli e degli oppressi, uomo di scienza e di cultura, apprezzato poeta e, soprattutto, spirito libero come pochi, è una chiara e precisa indicazione degli orientamenti e delle convinzioni di fondo anche del cittadino e dell’intellettuale Carmelo Aliberti. E concludiamo con una considerazione.

Questi 33 versi aggiunti nella seconda edizione, che non sono solo un doveroso omaggio ad un Maestro di Scienza e di Umanità, hanno di certo conferito ulteriore valore a quello che il sottotitolo definisce “dramma lirico”. Ancor più motivatamente si può affermare che ITACA è la perla più brillante (fin qui) creata dalla fantasia di Carmelo Aliberti,”sacerdos Musarum” dei giorni nostri , già autore di tanti componimenti di grande suggestione e di sicuro valore poetico.      

FRANCESCO PUCCIO

Informazioni su Carmelo Aliberti

Carmelo Aliberti è nato nel 1943 a Bafia di Castroreale (Messina), dove risiede, dopo la breve parentesi del soggiorno a Trieste, e insegna Lettere nel Liceo delle Scienze Sociali di Castroreale. È cultore di letteratura italiana presso l’Università di Messina, nominato benemerito della scuola, della cultura e dell’arte dal Presidente della Repubblica. Vincitore di numerosi premi, ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: Una spirale d’amore (1967); Una topografia (1968); Il giusto senso (1970); C’è una terra (1972); Teorema di poesia (1974);Tre antologie critiche di poesia contemporanea( 1974-1976). POETI A GRADARA(I..II), I POETI DEL PICENUM. Il limbo la vertigine (1980); Caro dolce poeta (1981, poemetto); Poesie d’amore (1984); Marchesana cara (1985); Aiamotomea (versione inglese del prof. Ennio Rao, Università North Carolina, U.S.A., 1986); Nei luoghi del tempo (1987); Elena suavis filia (1988); Caro dolce poeta (1991); Vincenzo Consolo, poeta della storia (1992); Le tue soavi sillabe (1999); Il pianto del poeta (con versione inglese di Ennio Rao, 2002). ITACA-ITAKA, tradotta in nove lingue. LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA vol.I,p.753, Pellegrini ,Cosenza 2008; L'ALTRA LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA( Ed.Scolasiche -Superiori e Univesità-) Inoltre, di critica letteraria: Come leggere Fontamara, di Ignazio Silone (1977-1989); Come leggere la Famiglia Ceravolo di Melo Freni (1988); Guida alla letteratura di Lucio Mastronardi (1986); Ignazio Silone (1990); Poeti dello Stretto (1991); Michele Prisco (1993); La narrativa di Michele Prisco (1994); Poeti a Castroreale - Poesie per il 2000 (1995); U Pasturatu (1995); Sul sentiero con Bartolo Cattafi (2000); Fulvio Tomizza e La frontiera dell’anima (2001); La narrativa di Carlo Sgorlon (2003). Testi, traduzioni e interviste a poeti, scrittori e critici contemporanei; Antologia di poeti siciliani (vol. 1º nel 2003 e vol. 2º nel 2004); La questione meridionale in letteratura. Dei saggi su: LA POESIA DI BARTOLO CATTAFI e LA NARRATIVA DI FULVIO TOMIZZA E LA FRONTIERA DELL'ANIMA sono recentemente uscite le nuove edizioni ampliate e approfondite, per cui si rimanda ai relativi articoli riportati in questa sede. E' presente in numerose antologie scolastiche e sue opere poetiche in francese, inglese, spagnolo, rumeno,greco, portoghese, in USA, in CANADA, in finlandese e in croato e in ungherese. Tra i Premi, Il Rhegium Julii-UNA VITA PER LA CULTURA, PREMIO INTERN. Per la Saggistica-IL CONVIVIO 2006. Per LA NARRATIVA DI CARLO SGORLON. PREMIO "LA PENNA D'ORO" del Rotary Club-Barcellona. IL Presidente della Repubblica lo ha insignito come BENEMERITO DELLA SCUOLA;DELL CULTURA E DELL?ARTE e il Consigkio del Ministri gli ha dato Il PREMIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 3 VOLTE. E' CUlTORE DELLA MATERIA DI LETTERATURA ITALIANA. Il Premio MEDITERRANEO alla carriera. Il PREMIO AQUILA D'ORO,2019. Con il romanzo BRICIOLE DI UN SOGNO, edito dalla BastogiLibri di Roma gli è stato assegnato il Premio Terzomillennio-24live.it,2021 Sulla sua opera sono state scritte 6 monografie, una tesi di laurea e sono stati organizzati 9 Convegni sulla sua poesia in Italia e all'estero. Recentemente ha pubblicato saggi su Andrea Camilleri, Dacia Maraini,e rinnovati quelli su Sgorlon, Cattafi,Prisco,Mastronardi e Letteratura e Società Italianadal Secondo Ottocento ai nostri giorni in 6 volumi di 3250 pp. Cura la Rivista Internazionale di Letteratura TERZO MILLENNIO e allegati. Ha organizzato Premi Internazionali di alto livello,come Il RHODIS e il Premio RODI' MILICI-LOMGANE. premiando personalità internazionali che si sono distinte nei vari ambiti della cultura a livello mondiale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: