Lascia un commento

NOTE SULL’OPERA DI CARMELO ALIBERTI E SULLA GENESI DEL ROMANZO “BRICIOLE DI UN SOGNO”

Di Jean Igor Ghidina, docente alla Blaise Pascal- University -Francia

Il mio primo contatto con Carmelo Aliberti nel 2008 avvenne per viaepistolare e già allora ebbi modo di apprezzarne la squisitagenerosità, la magnanimità e la dedizione diuturna a favore dellaletteratura e in particolar modo della poesia. Carmelo Alibertiassurse a sprone maieutico e a mallevadore intellettuale per cui lacollaborazione alla rivista “Terzo Millennio” da lui ideatarappresentò per me una svolta e un traguardo nel campo della ricerca edella diffusione della cultura. Rimasi e rimango tuttora impressionatodallo spessore etico di un uomo integerrimo capace altresì dicomunicare con alacrità il suo fervore al pubblico come durante ilconvegno sulla poesia italiana svoltosi presso l’università BlaisePascal di Clermont-Ferrand nel febbraio 2012. Poeta lirico e civile esaggista di ampia mole, Carmelo Aliberti ha affrontato egregiamentesia rovelli e i grovigli interiori che la questione meridionalecollocandosi nella scia e nel novero della letteratura italiana euniversale al punto che potrei definirlo vate nel significato piùgenuino perché scuote le coscienze esortandole ad uscire dal propriobozzolo. Traendo linfa ispiratrice dalla Sicilia, Carmelo Aliberticoglie ora con levità evocativa ora con briose parole sferzanti ilfascino ineffabile della sua isola, palesando insieme la coartazionestorica e gli strascichi dell’insipienza del potere politico. Quindila Sicilia diventa una metafora della condizione umana e delladicotomia tra dono pancalico e hybris dell’umanità traviata, alienatadalla superbia. Alberto Asor Rosa si è soffermato sul logorarsi ovverosull’annaspare della letteratura all’epoca cosiddetta postmoderna, inseguito a fenomeni quali la propensione a privilegiare l’innovazioneformale in chiave autoreferenziale, lo iato tra io e realtà e laRivista Letteraria 5 mercificazione e la consunzione della creazioneartistica nell’ambito della supremazia del virtuale e delmultimediale. Se tale assunto riesce lucido e calzante, non significache Carmelo Aliberti debba essere ascritto all’alveo apodittico oggiin auge nella letteratura occidentale. Semmai, bisogna affermare cheegli ha saputo far tesoro del serbatoio dei classici, da Dante aFoscolo e Cattafi, del retaggio biblico e cristiano nel confrontarsicon i dilemmi della vita e della società odierne. L’opera del nostronon è invischiata nel mero diletto ovvero nel solipsismo ontologicoperché è animata da un afflato possente, da una profondità spiritualeche cozza con il relativismo imperante. Al cospetto del paradigmatecnoscientifico, del rimbombo mediatico e delle farneticazioni deltransumanesimo, la poesia e l’opera critica di Carmelo Aliberti sonoimperiture perché plasmate dall’acume della sua mente e dalla forzaadamantina e aulente del suo spirito. Il suo eccezionale bagagliomulticulturale e il costante rapporto con la realtà, soprattutto  conlo sterminato universo doloroso , quotidianamente sottoposto adumiliazioni,soprusi e dispregio della loro dignità, sia nella realtàrurale che nel cuore dell’inferno della società postindustriale epostmoderna,  ora emerge con maggiore espressività nei particolari piùdemenziali imposte dai padroni di ogni categoria,dai feudatari,ainuovi potenti in cui la vecchia borghesia agraria ,Ma di fronte aquesti angosciosi e sempre più divaricante scenario di disperazioneesistenziale, Aliberti ora ci offre  una trama narrativa, infarcita digenerosità e dolore,di sopraffazione e indecorosi soprusi inflitticrudelmente ai nuovo vinti,anzi ai nuovi schiavi dell’industriache,dopo aver suscitato entusiastiche speranza di poter trovare unlavoro più stabile ,avrebbero potuto riscattarsi dalle secolari catenedella schiavitù,ma i più fortunati ,emigrati dal sud ,verso la cittàdel Triangolo industriale, conobbero una realtà più drammatica diquello della terra d’origine.Ma all’interno  di tali infernalicondizioni di vita,Aliberti riesce a far nascere il raro fiore di unabrillante,sincera,pura e umile storia d’amore, il romanzo  BRICIOLE DIUN SOGNO. attraverso cui l’umanità disumanizzata del nostro tempo, giàsull’orlo della nuova Apocalissse, potrà recuperare se stessa,con lacostruzione  formativa dell’imitazione storia d’amore,che fioriscesulle macerie della dissacrazione globale.

Informazioni su Carmelo Aliberti

Carmelo Aliberti è nato nel 1943 a Bafia di Castroreale (Messina), dove risiede, dopo la breve parentesi del soggiorno a Trieste, e insegna Lettere nel Liceo delle Scienze Sociali di Castroreale. È cultore di letteratura italiana presso l’Università di Messina, nominato benemerito della scuola, della cultura e dell’arte dal Presidente della Repubblica. Vincitore di numerosi premi, ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: Una spirale d’amore (1967); Una topografia (1968); Il giusto senso (1970); C’è una terra (1972); Teorema di poesia (1974);Tre antologie critiche di poesia contemporanea( 1974-1976). POETI A GRADARA(I..II), I POETI DEL PICENUM. Il limbo la vertigine (1980); Caro dolce poeta (1981, poemetto); Poesie d’amore (1984); Marchesana cara (1985); Aiamotomea (versione inglese del prof. Ennio Rao, Università North Carolina, U.S.A., 1986); Nei luoghi del tempo (1987); Elena suavis filia (1988); Caro dolce poeta (1991); Vincenzo Consolo, poeta della storia (1992); Le tue soavi sillabe (1999); Il pianto del poeta (con versione inglese di Ennio Rao, 2002). ITACA-ITAKA, tradotta in nove lingue. LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA vol.I,p.753, Pellegrini ,Cosenza 2008; L'ALTRA LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA( Ed.Scolasiche -Superiori e Univesità-) Inoltre, di critica letteraria: Come leggere Fontamara, di Ignazio Silone (1977-1989); Come leggere la Famiglia Ceravolo di Melo Freni (1988); Guida alla letteratura di Lucio Mastronardi (1986); Ignazio Silone (1990); Poeti dello Stretto (1991); Michele Prisco (1993); La narrativa di Michele Prisco (1994); Poeti a Castroreale - Poesie per il 2000 (1995); U Pasturatu (1995); Sul sentiero con Bartolo Cattafi (2000); Fulvio Tomizza e La frontiera dell’anima (2001); La narrativa di Carlo Sgorlon (2003). Testi, traduzioni e interviste a poeti, scrittori e critici contemporanei; Antologia di poeti siciliani (vol. 1º nel 2003 e vol. 2º nel 2004); La questione meridionale in letteratura. Dei saggi su: LA POESIA DI BARTOLO CATTAFI e LA NARRATIVA DI FULVIO TOMIZZA E LA FRONTIERA DELL'ANIMA sono recentemente uscite le nuove edizioni ampliate e approfondite, per cui si rimanda ai relativi articoli riportati in questa sede. E' presente in numerose antologie scolastiche e sue opere poetiche in francese, inglese, spagnolo, rumeno,greco, portoghese, in USA, in CANADA, in finlandese e in croato e in ungherese. Tra i Premi, Il Rhegium Julii-UNA VITA PER LA CULTURA, PREMIO INTERN. Per la Saggistica-IL CONVIVIO 2006. Per LA NARRATIVA DI CARLO SGORLON. PREMIO "LA PENNA D'ORO" del Rotary Club-Barcellona. IL Presidente della Repubblica lo ha insignito come BENEMERITO DELLA SCUOLA;DELL CULTURA E DELL?ARTE e il Consigkio del Ministri gli ha dato Il PREMIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 3 VOLTE. E' CUlTORE DELLA MATERIA DI LETTERATURA ITALIANA. Il Premio MEDITERRANEO alla carriera. Il PREMIO AQUILA D'ORO,2019. Con il romanzo BRICIOLE DI UN SOGNO, edito dalla BastogiLibri di Roma gli è stato assegnato il Premio Terzomillennio-24live.it,2021 Sulla sua opera sono state scritte 6 monografie, una tesi di laurea e sono stati organizzati 9 Convegni sulla sua poesia in Italia e all'estero. Recentemente ha pubblicato saggi su Andrea Camilleri, Dacia Maraini,e rinnovati quelli su Sgorlon, Cattafi,Prisco,Mastronardi e Letteratura e Società Italianadal Secondo Ottocento ai nostri giorni in 6 volumi di 3250 pp. Cura la Rivista Internazionale di Letteratura TERZO MILLENNIO e allegati. Ha organizzato Premi Internazionali di alto livello,come Il RHODIS e il Premio RODI' MILICI-LOMGANE. premiando personalità internazionali che si sono distinte nei vari ambiti della cultura a livello mondiale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: