Lascia un commento

JEAN IGOR GHIDINA

Prima Antologia di Letteratura Friulana pubblicata in Francia dal 1945 al 2017. 24 poeti, romanzieri e drammaturghi che hanno scritto nell’idioma friulano.(Edizioni Celis della Blaise Pascal University, FRANCIA – Luglio 2020.

Presentazione di Jean Igor Ghidina, docente della Università Editrice.

jean-igor

Va osservato innanzitutto che si tratta della prima antologia sullaletteratura friulana dal 1945 al 2017 pubblicata in Francia. Vengonopresentati ventiquattro poeti, romanzieri e drammaturghi che si sonoespressi nell’idioma di un popolo che va annoverato fra le minoranzelinguistiche  contemplate dall’articolo 6 della Costituzione dellaRepubblica Italiana. L’antologia è strutturata secondo criteritematici e quindi senza una distinzione di genere, al fine di carpirel’anima del Friuli. Difatti, nella prima parte intitolata “L’être aumonde entre introspection et relation viscérale au Frioul”, sonoanalizzati i testi che palesano sia l’afflato lirico ed esistenzialeche il connubio spesso intenso con il mondo circostante. Aedi qualiRenato Appi e Tonuti Spagnol illustrano un’ontologia dell’effimero cheva di pari passo con il giubilo straripante della gioventù, mercéun’evocazione mitopoietica soffusa di nostalgia e di malinconia. Altripoeti, fra cui Umberto Valentinis  e Galliano Zof , danno la stura auna contemplazione pancallica del paesaggio friulano, piccolocompendio dell’universo secondo la dicitura icastica di IppolitoNievo, in sintonia con la raffigurazione intrisa di levità dell’essereamato, sebbene l’impressione di bellezza ineffabile e di rapimentoestatico sembri talvolta incrinata dalla caducità. In AmedeoGiacomini, si coglie peraltro la solitudine metafisica che noninibisce comunque anche la propensione all’autoderisione. Il terzoaspetto  da considerarsi riguarda l’intreccio fra identità e alteritànei romanzi di Carlo Sgorlon in cui fluiscono personaggi giovaniliappartenenti a un Friuli rurale e ligio alla proprie tradizioni, mapure confrontato a sconvolgimenti antropologici. La seconda parte diquesto dittico chiamata “Mémoire et Histoire, l’épopée des humbles” siimpernia attorno all’intreccio fra la memoria e le vicende che hannosegnato la storia del Friuli, quali le due guerre mondiali, conferendoun’aura di dignità inalienabile alla rappresentazione del popolo,spesso oppresso ma idealmente libero. Troveremo quindi dapprima gliscrittori come Maria Forte, Pietro Menis, Dino Virgili e LeonardoZanier che trasfigurano il microcosmo atavico e l’emigrazione,tratteggiando figure pervase dal senso dell’onore e dall’etica delleresponsabilità. Dal canto loro,Alviero Negro e Pier Paolo Pasolinioffrono uno squarcio eloquente dei sentimenti del popolo friulanodi.fron-  te  ai governanti e al flagello della guerra, grazie alverbo incandescente delle loro opere teatrali. Infine, puòdistinguersi un’ultima categoria di autori incarnati da Celso Macor eDomenico Zannier che fanno leva sulla propria ispirazione lirica nonsolo per destare compassione e sdegno, ma pure una consapevolezzasalvatrice. Certo, siffatta collocazione degli autori non inficia néla peculiarità né i motivi o temi intertestuali che fanno scaturire larelazione intima con il Friuli, fra si staglia la ricorrenzadell’immagine cristica emblema   universale di sofferenza e diriscatto. Pur nell’esiguità del proprio territorio, il Friuli puòfregiarsi di una schiera di autori fecondi le cui opere assurgono avalore universale rendendo nel contempo omaggio all’espressività dellaloro lingua.

Jean-Igor Ghidina

Informazioni su Carmelo Aliberti

Carmelo Aliberti è nato nel 1943 a Bafia di Castroreale (Messina), dove risiede, dopo la breve parentesi del soggiorno a Trieste, e insegna Lettere nel Liceo delle Scienze Sociali di Castroreale. È cultore di letteratura italiana presso l’Università di Messina, nominato benemerito della scuola, della cultura e dell’arte dal Presidente della Repubblica. Vincitore di numerosi premi, ha pubblicato i seguenti volumi di poesia: Una spirale d’amore (1967); Una topografia (1968); Il giusto senso (1970); C’è una terra (1972); Teorema di poesia (1974);Tre antologie critiche di poesia contemporanea( 1974-1976). POETI A GRADARA(I..II), I POETI DEL PICENUM. Il limbo la vertigine (1980); Caro dolce poeta (1981, poemetto); Poesie d’amore (1984); Marchesana cara (1985); Aiamotomea (versione inglese del prof. Ennio Rao, Università North Carolina, U.S.A., 1986); Nei luoghi del tempo (1987); Elena suavis filia (1988); Caro dolce poeta (1991); Vincenzo Consolo, poeta della storia (1992); Le tue soavi sillabe (1999); Il pianto del poeta (con versione inglese di Ennio Rao, 2002). ITACA-ITAKA, tradotta in nove lingue. LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA vol.I,p.753, Pellegrini ,Cosenza 2008; L'ALTRA LETTERATURA SICILIANA CONTEMPORANEA( Ed.Scolasiche -Superiori e Univesità-) Inoltre, di critica letteraria: Come leggere Fontamara, di Ignazio Silone (1977-1989); Come leggere la Famiglia Ceravolo di Melo Freni (1988); Guida alla letteratura di Lucio Mastronardi (1986); Ignazio Silone (1990); Poeti dello Stretto (1991); Michele Prisco (1993); La narrativa di Michele Prisco (1994); Poeti a Castroreale - Poesie per il 2000 (1995); U Pasturatu (1995); Sul sentiero con Bartolo Cattafi (2000); Fulvio Tomizza e La frontiera dell’anima (2001); La narrativa di Carlo Sgorlon (2003). Testi, traduzioni e interviste a poeti, scrittori e critici contemporanei; Antologia di poeti siciliani (vol. 1º nel 2003 e vol. 2º nel 2004); La questione meridionale in letteratura. Dei saggi su: LA POESIA DI BARTOLO CATTAFI e LA NARRATIVA DI FULVIO TOMIZZA E LA FRONTIERA DELL'ANIMA soono recentemente uscite le nuove edizioni ampliate e approfondite,per cui si rimanda ai relativi articoli riportati in questa sede. E' presente in numerose antologie scolastiche e sue opere poetiche in francese, inglese, spagnolo, rumeno,greco, portoghese, in USA, in CANADA, in finlandese e in croato e in ungherese. Tra i Premi, Il Rhegium Julii-UNA VITA PER LA CULTURA, PREMIO INTERN. Per la Saggistica-IL CONVIVIO 2006. Per LA NARRATIVA DI CARLO SGORLON. PREMIO "LA PENNA D'ORO" del Rotary Club-Barcellona. Sulla sua opera sono state scritte 6 monografie, una tesi di laurea e sono stati organizzati 9 Convegni sulla sua poesia in Italia e all'estero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: