Lascia un commento

EMOZIONI INTIME DI UN POETA-PADRE di Nino Famà

Dormi, filia dulcissima, dormi
e sogna Amore, amore, vero amore,
mentre le nubi si abbassano sul mare
e nell’anima dilaga un canto azzurro.

NINO FAMÀ è nato a Barcellona P.G. (ME), ma da molti anni vive in Canada. È autore del romanzo La stanza segreta (Sciascia Editore, 2004), tradotto in inglese da Leonardo Sbrocchi e Douglas Campbell e pubblicato da LEGAS Publishing (2008). Il volume Don Gaudenzio e altre storie è apparso nel 1996 per i tipi della Bastogi. Ha inoltre pubblicato due libri di critica letteraria: Realismo magico en las obras de Demetrio Aguilera Malta e Las ultimas obras de Alejo Carpentier. Numerosi suoi saggi  sono apparsi in riviste specializzate in Italia, Francia, Canada, USA e America Latina. Dopo una lunga carriera di docenza universitaria è ora Professor Emeritus presso la University of Waterloo, Canada.
NINO FAMÀ è nato a Barcellona P.G. (ME), ma da molti anni vive in Canada. È autore del romanzo La stanza segreta (Sciascia Editore, 2004), tradotto in inglese da Leonardo Sbrocchi e Douglas Campbell e pubblicato da LEGAS Publishing (2008).
Il volume Don Gaudenzio e altre storie è apparso nel 1996 per i tipi della Bastogi.
Ha inoltre pubblicato due libri di critica letteraria: Realismo magico en las obras de Demetrio Aguilera Malta e Las ultimas obras de Alejo Carpentier. Numerosi suoi saggi sono apparsi in riviste specializzate in Italia, Francia, Canada, USA e America Latina. Dopo una lunga carriera di docenza universitaria è ora Professor Emeritus presso la University of Waterloo, Canada.

Da quattro decenni di creazione poetica, Carmelo Aliberti è una voce importante nel mondo della poesia italiana. Gli sono stati conferiti premi prestigiosi e, sebbene le sue opere si siano sempre predisposte a nuove correnti soggette a cambiare ed aggiornarsi, i temi sono rimasti costanti, perché scaturiscono dall’angoscia del poeta, nonché dal suo profondo interesse per la sorte dei suoi simili.

I versi di questo ormai conosciutissimo poeta costituiscono un’indagine delle condizioni umane, delle loro dimensioni temporali e metafisiche. é un sondare dell’io poetico nel tempo e nello spazio che si sprofonda nel tunnel dell’anima e percorre i vicoli della società, sempre in assalto contro le forze del male, sempre alla ricerca dell’essenza umana. I temi che scaturiscono dalla poesia alibertiana sono a volte metafisici, a volte esistenziali; ma non abbandonano mai il loro impegno sociale e politico. L’universo di questo poeta è attuale, ma sempre consapevole del suo passato. Il comportamento umano trova i suoi significati nella lontana storia, nella manifestazione di miti antichi. In effetti, il mondo alibertiano acquista significato mediante una scia archetipica che riporta alle origini. Mentre, ogni suo poema è un chiaro esempio della sua consapevolezza artistica, le emozioni intime del poeta ne costituiscono sempre l’impulso creativo. Il lettore non si sorprende, infatti, nel trovare nella poesia di Aliberti un richiamo all’integrità morale, alla giustizia sociale ed alla dignità umana. La voce poetica di quest’artista scaturisce dalla geografia che l’avviluppa, dalla storia che lo definisce e dai miti che formano parte della sua essenza. Aiamotomea e “Castroreale, l’azzurro, la tua storia” ne sono delle ottime illustrazioni. Quindi, la poesia diventa l’espressione delle radici e dell’humus sociale. Nel poema “Tibi, suavis filia” la voce del poeta si fonde con quella dell’Uomo, con quella del padre che scrive per celebrare la giovinezza, specificatamente quella della propria figlia a varcare le soglie della gioventù per intraprendere l’avventura della vita. La voce poetica ammonisce le incertezze del mondo con il proprio soffrire, con la propria angoscia, ma si consola nel sapere che la ragazza farà le scelte giuste quando si troverà al bivio del bene e del male.

nino famàNino Famà

HELENA, SUAVIS FILIA

Tibi suavis filia,
che ti accingi a lasciare
appeso all’armadio dei ricordi
il fiocco rosa della fanciullezza
corri sulla sabbia del mare
verso il mitico nido delle isole,
vigile alle voci sommerse
con la parola protesa a ricercare
l’equilibrio nello specchio del mondo,
a te che con il limpido sorriso
e l’opalescente brillio degli occhi
hai saputo riportare a riva
l’anima confusa sugli scogli del mare,
a te che con gli scoppi dell’affetto
hai riacceso gemme sui tralci invernali,
a te, che tra il dubbio e il sogno
ridipingi la speranza nello sguardo
bruciato dall’ultimo solstizio
di un nuovo regno di verità e amore,
a te, che con l’azzurro-oro del tuo viso

hai donato una goccia di rugiada
ai nostri volti avvolti nel pianeta
di una vita disperata,
hai ricondotto i nostri perduti passi
sui binari arroventati, nella stanza
inondala dal canto celeste degli uccelli,
per scoprire nell’ombra del mattino
le nuove stelle palpitanti
di un giorno senza pena e senza male,
pronti a disgregare
le ore del dubbio e della noia,
a te, Artemisia praedilecta,
che con la mente e con il cuore dentro i libri,
sigillata nella dorata stanza
distante da trappole e apparenze,
hai sempre ostinatamente ricercato
il nettare dei valori tra le righe

stupiti continui ad addolcire
il fiele delle nostre notti arroventate
con l’armonico tuo danzante sfarfallare
sulle note di miele del tuo canto
traboccanti dal tuo messaggio segreto,
a te che offuschi il grigiore delle cose
con i colori, i suoni, i sogni del Parnaso
piamente innalzi ponti d’oro
tra terre e terre e tra terra e cielo,
a te, non parole vane, ma perlacee piume
vorremmo donarti
per incorniciare la città celeste
che ti stai edificando dentro il cuore,
ma ora assieme a Daniele
grazie, possiamo solo dirli
per aver saputo riordinare con lucore
negli scaffali inossidabili del tempo
gli oggetti marginali dei nostri giorni
i frammenti distorti della nostra anima inquieta.
Le tue labbra ora gemono di sogni
ora noi, tuoi compagni, ti diciamo:
Dormi, filia dulcissima, dormi
e sogna Amore, amore, vero amore,
mentre le nubi si abbassano sul mare
e nell’anima dilaga un canto azzurro.

Carmelo-Aliberti-700x357  Carmelo Aliberti

Per la rubrica Sfoglia l’autore

monica azzurra

Monica Bauletti

Informazioni su Monica Bauletti

Monica Bauletti, libri@monicabauletti.it Romanzi: -ATTACCO AGLI ILLUMINATI – EDITORE: LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2014 -L’AMICA PIU’ PREZIOSA - EDITORE: LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2014 -BERTA, LA LEGGENDA (PUBME.ME) 2017 -Racconto: VITE RIFLESE antologia UNA BELLA GIORNATA DI SOLE LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2015 -Racconto “RESPIRO” secondo classificato al premio letterario edizione 2014 “MILLE E… UNA STORIA” e pubblicato nell’antologia del premio. -Racconto “TU NON MI AMI” numero dicembre 2014 rivista internazionale di letteratura e cultura varia “3°m TERZO MILLENNIO” fondata dal poeta-scrittore-saggista professore Carmelo Aliberti. -Racconto "MARTINA VEDE LE COSE" antologia: SOFFIA UN VENTO CONTRARIO - L'IGUANA EDIUTRICE www.monicabauletti.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: