Lascia un commento

CARO, DOLCE POETA di Domenico Cara

Domenico Cara, saggista, studioso d’arte e di letteratura, poeta, editore, giornalista pubblicista, prefatore d’innumerevoli opere di poesia, di narrativa e presentatore in catalogo di monografie di artisti contemporanei. Ha fondato diverse piccole case editrici: Laboratorio delle Arti, Criteron, Kerouac, Istituto Bibliografico Lombardo, Edizioni Fin de Siècle, Edizioni del Drago di Seta, Edizioni del Quarto Oceano, Edizioni del Punto più Alto e diretto i periodici e le riviste

Lo scrittore e critico messinese Aliberti, dopo la recente raccolta Il limbo, la vertigine, dirama – è proprio il caso di dire cosa – agli amici, una sorta di lettera-cronaca in versi (illustrata da Paolo De Pasquale); quasi un monologo sotto specie di ideologica preghiera al cielo da parte di un operaio che sta patendo sulla propria pelle l’alienante condizione di schiavo della sopraffazione tecnologica in carico ai giorni nostri. Se non è nuova la poesia di fabbrica, diciamo così tanto per intenderci, nuovo è il modulo formale con il quale Aliberti ci porge questo poemetto, dall’andamento sinuosamente concepito attorno ad alcuni temi fondanti la sua situazione umana e spirituale. Siamo in presenza di lessico tecnico traslato poeticamente, di assun¬zione di un vocabolario meccan-metallico in contesto artistico sintatticamente concepito in un tu tra imperativo, esortativo, denunziante l’im¬posizione esistenziale di cui il protagonista è vittima. Questo per la prima parte: nella seconda parte, invece, è l’operaio che si rivolge al poeta, al “dolce caro poeta”, qui assimilato ad un fratello di sventura: “…io e tu siamo allo spiedo della storia“, sono infatti le parole di un comune destino d’emarginazione. Il cielo, destinatario di questa missiva, trova braccio e mente uniti in una comune disdetta alla storia. La promessa di libertà che il poeta fa intendere nella sua operazione letteraria, viene recepita dal suo interlocutore come un tempo di uguale aspettazione, nella pagina come nella vita, nella poesia come nel lavoro. E il tutto è un invito alla resistenza contro gli agguati del sistema (Aliberti la chiama, veramente, rivoluzione): insomma, ognuno dalla propria parte, operaio della produzione e operaio della parola, decidono di prendersi in mano il timone degli eventi, di mettere a frutto una speranza più volte predicata e sempre prorogata di giorno in giorno, di epoca in epoca.

domenico cara   Domenico Cara

per la rubrica SFOGLI L’AUTORE 

 monica azzurraMonica Bauletti

Informazioni su Monica Bauletti

Monica Bauletti, libri@monicabauletti.it Romanzi: -ATTACCO AGLI ILLUMINATI – EDITORE: LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2014 -L’AMICA PIU’ PREZIOSA - EDITORE: LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2014 -BERTA, LA LEGGENDA (PUBME.ME) 2017 -Racconto: VITE RIFLESE antologia UNA BELLA GIORNATA DI SOLE LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2015 -Racconto “RESPIRO” secondo classificato al premio letterario edizione 2014 “MILLE E… UNA STORIA” e pubblicato nell’antologia del premio. -Racconto “TU NON MI AMI” numero dicembre 2014 rivista internazionale di letteratura e cultura varia “3°m TERZO MILLENNIO” fondata dal poeta-scrittore-saggista professore Carmelo Aliberti. -Racconto "MARTINA VEDE LE COSE" antologia: SOFFIA UN VENTO CONTRARIO - L'IGUANA EDIUTRICE www.monicabauletti.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: