Lascia un commento

LA FIGURA DEL POETA VITTIMA DELLA STORIA di Giancarlo Pandini

aliberti_teorema_030112

L’immagine che si ricava dalla poesia di Carmelo Aliberti,

ora chiusa in un denso ed esauriente volume, “Teorema di poesia (Todariana editrice)

è una sorta di figura concreta del

poeta come vittima della storia.

 

Giancarlo Padini poeta, scrittore e saggista,

Giancarlo Padini
poeta, scrittore e saggista,

Il simbolo tragico di questa storia il poeta l’assume su di sé, per interpretare il proprio tempo alla luce di alcune disaffezioni, mancanze, rinunce, debilitazioni umane: ma è un simbolo, ovviamente, della condizione umana, di una posizione storica dell’essere, all’interno di una problematicità del reale, non affrontata direttamente con strumenti di grido, di ribellione, di isterismo, ma con gli strumenti della poesia.

Nei versi di Aliberti, allora, troveremo ancora le immagini, le figurazioni, le voci e i gesti di un reale possibile, ma con segno rovesciato rispetto alla tradizionale misura con cui si affrontava il reale negli anni passati: Aliberti aderisce al reale, al mondo – nel caso specifico a una realtà meridionale, e siciliana in particolare – con la forza dell’immaginazione, dell’evocazione o dell’annotazione folgorante che si accosta alla sua vicenda dentro un microcosmo ferito, da cui poter estrarre non tanto materia di canto e di poesia, ma di riflessione e di sgomento, di insegnamento e d’analisi. La tipica facoltà del discorso poetico di inglobare in sé un’estrema condensazione semantica, affinché ogni significato, ogni verso, ogni parola aprano a una diversità, a una pluralità di significati, Aliberti la usa mediante il confronto storico, la tipica accensione immaginativa ed emotiva dell’uomo posto di fronte alle sue responsabilità pragmatiche.

Nell’insieme di queste due componenti, accentuazione della polisemia del verso e ricorso alla struttura del reale nelle sue ferite e crisi, pongono il lavoro di Aliberti dentro una modernità di discorso che ha nella tensione e nella sua specifica modulazione le qualità più profonde.

CONDIZIONE DELL’UOMO

Il teorema di poesia di cui Aliberti parla, e che da titolo alla raccolta, si potrebbe sviluppare entro questa duplice disposizione: discorso storico e proprietà linguistica. Si capirà allora quanto si diceva all’inizio, del poeta come vittima della storia, quando egli si fa voce rammemorante d’una condizione dell’uomo, ma con precise referenze grammaticali del discorso poetico.

Non più svenevoli annotazioni naturali, non più masochismo d’una condizione privilegiata, ma interprete della storia; una storia dura e lacerante, dentro cui la ricerca non è soltanto nel forgiare un discorso che non sia quello massificato o usurato dell’industria dei classici, ma un discorso legato alla vicenda umana nelle sue ferite, nelle sue mutilazioni, nel suo malessere.

Spesso il poeta soccombe, cade irretito in labili figurazioni protoromantiche e astratte, ma il segno d’una responsabilità storica lo richiama alla sua missione, fuori dai messaggi e dalle indicazioni precise ed esatte, quelle indicazioni che erano della categoria mentale del borghese, ma dentro un significato austero di vittima, di termine d’unione tra la parola e l’essere, tra la storia e l’uomo che la subisce o la fa con errore, o con inconsapevolezza.

Aliberti si guarda vivere, vive, ricorda, annota ciò che intorno viene sommerso, le proprietà e i valori dei suoi simili: ma lascia che la poesia fluisca dentro un verso tesissimo, concentrato, adattoforse meglio dell’uomo che vive la propria vicenda senza chiederselo mai – “a cauterizzare le cesure.

  Giancarlo Pandinigiancarlo pandini

per la rubrica SFOGLI L’AUTORE 

 Monica Bauletti 0c932d5777f56a089aadb5621d892759

Informazioni su Monica Bauletti

Monica Bauletti, libri@monicabauletti.it Romanzi: -ATTACCO AGLI ILLUMINATI – EDITORE: LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2014 -L’AMICA PIU’ PREZIOSA - EDITORE: LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2014 -BERTA, LA LEGGENDA (PUBME.ME) 2017 -Racconto: VITE RIFLESE antologia UNA BELLA GIORNATA DI SOLE LIBROMANIA (DeAgostini-Newton) 2015 -Racconto “RESPIRO” secondo classificato al premio letterario edizione 2014 “MILLE E… UNA STORIA” e pubblicato nell’antologia del premio. -Racconto “TU NON MI AMI” numero dicembre 2014 rivista internazionale di letteratura e cultura varia “3°m TERZO MILLENNIO” fondata dal poeta-scrittore-saggista professore Carmelo Aliberti. -Racconto "MARTINA VEDE LE COSE" antologia: SOFFIA UN VENTO CONTRARIO - L'IGUANA EDIUTRICE www.monicabauletti.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: